EGERIA Centro Ricerche Sotterranee

Presidente

Sandro Galeazzi
Speleologo dal 1992, è geometra libero professionista, (iscritto all'Albo di Roma) specializzato in rilievo di sotterranei raggiungibili con specifiche tecniche di progressione speleologica su corda, o da problematiche di complessità. Si occupa del corretto censimento catastale delle strutture ipogee di interesse storico-antropologico-archeologico.
In Italia ha condotto prevalentemente ricerche e studi nel Lazio, Toscana, Abruzzo. Ha preso parte a spedizioni in Turchia e Grecia. Componente della Commissione Nazionale Cavità Artificiali SSI: il più importante gruppo italiano di studiosi in materia.

Soci

Pio Bersani
Geologo ed idrogeologo, libero professionista. Si occupa di problematiche relative all'acqua antiche ed attuali. Collabora in lavori e ricerche di idraulica antica e di ripristino ambientale.
Ha collaborato con Vittorio Castellani allo studio delle opere idrauliche del Lazio (Colli Albani) e con lui ha pubblicato un contributo fondamentale per lo studio della zona: "Considerations on water flow regulation in the ancient time in the Alban Hills. Considerazioni sulla regolazione delle acque in epoca antica nell'area dei Colli Albani". Con Mauro Bencivenga ha pubblicato "Le piene del Tevere a Roma dal V secolo A.C. al 2000". Innumerevoli le sue partecipazioni e convegni e congressi tematici.

Ruggero Bottiglia
Speleologo, alla fine degli anni '90 e fino al 2000 da nuovo impulso al Gruppo Speleologico Anxur di Terracina (fondato alla fine degli anni '50 da Giorgio Silvestri).
Dal 2006 ricostruisce il tracciato della Francigena del Sud nel tratto tra Fondi e Fossanova e da 2-3 anni si occupa del tratto fra Cori e Castel Gandolfo.
Riprende l'attività speleologica dedicandosi alle cavità artificiali e nel 2014 diviene socio del CRS Egeria.

Vittoria Caloi
Astronoma di professione, ha sempre avuto grande interesse per la speleologia, specie per le sue implicazioni archeologiche. Ha partecipato all'esplorazione e allo studio degli emissari (o esautori) dei laghi dei Colli Albani, come pure a spedizioni, con simili finalità archeo-speleologiche, in Marocco e in Turchia.

Valentina Carpe
Mi sono avvicinata alla speleologia nel 2013 tramite l'associazione Roma Sotterranea, per abbinare due mie grandi passioni: la speleologia e l'archeologia. Con il corso di Roma Sotterranea nel 2014 mi sono dedicata allo studio ed esplorazione in cavità artificiali, scavi archeologici in ipogei artificiali, corso di rilievo topografico e restituzione CAD. Nel 2015 ho frequentato il corso di speleologia presso il Circolo Speleologico Romano per poter acquisire le tecniche di progressione verticale e ampliare le mie conoscenze e la mia curiosità sulle cavità naturali. Dal 2017, dopo essermi appassionata sempre di più alla speleologia in tutti i suoi aspetti e essermi avvicinata alle prime esperienze di canyoning, faccio parte anche del Gruppo speleologico CAI Sezione di Orvieto.

Luigi Casciotti
Speleologo, architetto, naturalista, esperto di antiche opere idrauliche e tecniche costruttive. Ha collaborato alla realizzazione di interventi di archeologia sperimentale, risanamento ambientale e valorizzazione turistica di ipogei di interesse storico ed archeologico. Autore, con Vittorio Castellani, del volume "Indagine storico - strutturale sull'antico acquedotto delle Cannucceta (Palestrina, Roma)" Erga edizioni, 2001. Nel 2013 pubblica "Gli Acquedotti di Praeneste. Nuove ipotesi sul Tempio della Fortuna Primigenia".

Antonio De Paolis
Speleologo dal 1995, fotografo e grafico. Ha realizzato i disegni per il manuale di Soccorso Speleologico del CNSAS, il logo della Associazione, quello per la "Giornata nazionale della speleologia 2005" e quello di "Puliamo il Buio 2006-2007". Grafico di Opera Ipogea negli anni 1999-2006. Alterna all'attività speleologica con quella subacquea ("Fondazione Marenostrum" dal 1996 al 2000), è grafico e rilevatore/disegnatore subacqueo. Ha partecipato ad alcune missioni in Russia, nel Mar Baltico (1996/1998), in collaborazione con la Soprintendenza russa, e ad altre campagne di ricerca in Italia. Nel 2014 realizza ed edita, con Iana Nekrassova, il volume "Fontanelle di Roma".

Tullio Dobosz
Già socio fondatore della ASR '86 e del Gruppo Torrentistico Albatros, speleologo, "montanaro" e torrentista con attività pluridecennale, è coautore del volume "Gole e Canyon dell'Italia Centrale", Adriambiente Editore, Ancona, 1998. Grande conoscitore di eremi e santuari rupestri e delle più recondite bellezze naturalistiche dell'Italia Centrale.

Carla Galeazzi
Speleologa dal 1992, esperta di opere idrauliche del mondo antico, insediamenti civili e monastici.
In Italia ha condotto prevalentemente ricerche e studi nel Lazio, Toscana, Abruzzo, Calabria e Basilicata. Ha preso parte a spedizioni in Giordania e in Turchia.
Dal 1995 è membro della Commissione Nazionale Cavità Artificiali, organo permanente della Società Speleologica Italiana composto da speleologi che svolgono attività scientifiche nel settore, ricoprendo l'incarico di coordinatrice dal 2005 al 2012.
Nel 1996 ha diretto il primo Corso Nazionale di Speleologia in cavità artificiali della Società Speleologica Italiana "Roma Sotterranea" (Roma). Redattore della rivista "Opera Ipogea - Journal of Speleology in Artificial Cavities" della quale è stata anche direttore responsabile dal 1999 al 2009.
Consigliere della Società Speleologica Italiana nei mandati 2000/2002 e 2003/2005.
Ideatrice del progetto "Carta degli Antichi Acquedotti", censimento su base nazionale delle antiche opere idrauliche ipogee, pubblicato nel 2007 e del quale è anche coautrice. Partecipa a progetti di censimento tematico quali la "Carta degli antichi emissari dei bacini endoreici" pubblicato nel 2012.
Docente al Corso Nazionale "Le cavità artificiali dalla riscoperta alla valorizzazione" (Urbino, 2011). Ha preso parte alla organizzazione del meeting nazionale "Speleologie in Movimento" (Toirano, Savona 2009), di Convegni Nazionali (Urbino 2010, Ragusa 2012), di Workshop Internazionali (Torino, 2012) e dei Congressi Internazionali di speleologia in cavità artificiali Hypogea2015 (Roma, 2015) ed Hypogea2017 (Turchia, 2017).
Autrice di numerosi articoli tematici, partecipa a convegni e congressi e svolge conferenze.
Segretaria dell'Artificial Cavities Commission della UIS (Unione Internazionale di Speleologia) dal 2011.
Presidente di Hypogea - Federazione dei Gruppi Speleologici del Lazio per le cavità artificiali dal 2011.


Carlo Germani
Speleologo dal 1972, esperto in topografia e restituzione CAD, è stato membro del CNSAS (Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico) dal 1976 al 2005 ricoprendo l'incarico di Delegato del V Gruppo (Lazio, Abruzzo, Molise) e membro dell'esecutivo nazionale. Socio della Società Speleologica Italiana dal 1978, ha ricoperto l'incarico di rappresentante regionale per il Lazio nel Comitato Nazionale ed è stato Consigliere nei dal 2003 al 2011 ricoprendo l'incarico di Vice Presidente dal 2006 al 2008. Curatore del manuale "Tecniche di soccorso in grotta", capo redattore del periodico "Opera Ipogea" dal 1999 al 2005.
Ha esplorato le grotte naturali del Lazio, Abruzzo, Campania. Ha preso parte a numerose spedizioni all'estero (Marocco, Francia, Turchia, Giordania, Nepal) e organizzato campagne pre-spedizione in Tunisia e a Malta. Nell'ambito dell'attività speleologica in cavità artificiali annovera numerose partecipazioni a convegni e congressi, pubblicazioni, svolge conferenze ed è esperto di fotografia ipogea. Dal 2014 è il Curatore del Catasto Cavità Artificiali del Lazio per la Federazione Hypogea.


Vittorio Puggini
Specializzato in rilievo di ambienti sotterranei naturali e artificiali, restituzione CAD e restituzione in cSurvey. Nel 2012 frequenta due corsi con Roma Sotterranea occupandosi delle attività di rilievo topografico in varie zone di interesse archeologico della città di Roma ed in particolare del rilievo e della restituzione topografia delle zone caveali ricadenti nel V Municipio.
Ha seguito tutte le fasi esplorative e di studio dell'antico Emissario Albano (progetto Albanus-condotto dalla Federazione Hypogea) e Albano Sotterranea (Hypogea).
Nel 2015 entra a far parte del Circolo Speleologico Romano, frequenta un corso di speleologia acquisendo le tecniche di progressione su corda e partecipando a campagne di scavo, ricerca ed esplorazione. Appassionato di trekking e montagna si avvicina all'attività di canyoning insieme al gruppo CAI Orvieto.


Vittorio Castellani (1937-2006)